By: Guido Long

Comments: 0

Il 25 novembre la campagna di 16 giorni contro la violenza di genere è iniziata con la Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne ed è finita il 10 dicembre, giornata mondiale dei diritti umani. Nell’avvicinamento alla campagna, l’Associazione per i diritti delle donne nello sviluppo (AWID) ha lanciato il rapporto Movimento femminista e donne che resistono alla guerra alle droghe riunendo le voci di donne in diverse regioni e movimenti, sottolineando come la guerra alle droghe sia un tema femminista. Questo articolo evidenzia l’impatto della violenza di genere e della guerra alle droghe sulle donne in Messico.

Nonostante il presidente López Obrador abbia dichiarato che la guerra alle droghe sia finita e abbia avviato una strategia diretta a prevenire e curare l’uso di droghe, le politiche attuali privilegiano ancora la detenzione rispetto alla decriminalizzazione. Inoltre, allo stato manca una rete pubblica di centri di riabilitazione professionali e basati sulle evidenze; al contrario, la maggior parte dei centri sono operati da privati di dubbia legalità e raramente certificati, che si basano sulla religione e ricorrono spesso alla tortura fisica e psicologica. Come TalkingDrugs ha riportato, questa pratica messicana non è unica.

Y la culpa no era mía

Le donne che usano droghe e sono tenute dietro sbarre o porte chiuse in Messico sono ancora silenziate da violenza di genere, discriminazione e stigma. Il triplo fardello di violenza sessista, politiche sulle droghe punitive e tortura sistematica che prevale in Messico tiene le loro voci nascoste. Negli ultimi nove mesi però, le donne che usano droghe e sono private della loro libertà nei centri di detenzione e riabilitazione in Messico hanno generosamente condiviso le loro storie con Equis: Giustizia per le Donne /Equis: Justicia para las Mujeres, A.C., una delle poche organizzazioni femministe in Messico interessata agli impatti specifici della guerra alle droghe sulle donne in carcere, le donne vittime dei tribunali della droga e le donne che usano droghe.

Continua a leggere l’articolo di Talking Drugs

Spread the love

Se ti è piaciuto l'articolo, condividilo sui tuoi social