By: Guido Long

Comments: 0

Con l’HIV che si diffonde tra la popolazione, il paese comincia ad accettare di avere un problema

Nel 1986, l’anno prima della registrazione del primo caso ufficiale di HIV in Russia, un funzionario della sanità sovietico di nome Vladimir Trofimov parlò alla tv di stato della nuova preoccupante infezione che finiva sulle prime pagine dei giornali internazionali. “Si tratta di una malattia occidentale,” disse. “Ma qui non ci sono le condizioni per il diffondersi della malattia, visto che in Russia non c’è dipendenza da droghe né prostituzione.”

Oggi non si nega che l’AIDS è anche una malattia russa. Oltre 340,000 russi sono morti di AIDS, i due terzi negli ultimi dieci anni. Nel solo 2018, l’ultimo anno per cui ci sono dati precisi, l’AIDS ha ucciso 37,000 persone in Russia, con il tasso di nuove infezioni che cresce tra il 10 e il 15% all’anno, secondo l’Organizzazione mondiale della Sanità.

E mentre Trofimov si sbagliava anche su dipendenza da droghe e prostituzione in Russia, i tradizionali gruppi a rischio non sono più la maggioranza delle nuove infezioni.

Anche se la condivisione degli aghi tra i dipendenti da sostanze era una delle ragioni principali per la rapida diffusione della malattia, la maggior parte delle trasmissioni di HIV in Russia – il 57% – avvengono adesso attraverso il sesso eterosessuale. L’uso di droghe è responsabile per il 40%, mentre il sesso gay rappresenta il 3%, secondo il centro russo di ricerca federale per la prevenzione e il controllo dell’AIDS a Mosca.

“Non ci sono gruppi a rischio – ci sono solo comportamenti a rischio,” ha detto Maria Godlevskaya, coordinatrice di EVA, organizzazione basata a San Pietroburgo che aiuta le donne con l’HIV. “Può riguardare tutti, dagli atleti alle ballerine ai preti.”

Godlevskaya, che positiva all’HIV da oltre 20 anni, dice che i bassi livelli di test in passato sono stati una delle ragioni per cui l’epidemia è cresciuta così tanto in Russia.

“Questa mancanza di test significa che le coppie sposate si infettano perché uno dei due non sapeva che l’altro fosse positivo da anni.” Molte donne, ha aggiunto, scoprono di essere positive all’HIV solo durante la gravidanza, quando vengono testate. Secondo i medici anche i pensionati in zone rurali sono sempre più a rischio.

Il numero di persone che convive con l’HIV in Russia è adesso di oltre un milione, secondo le statistiche ufficiali. La maggioranza degli esperti dice che il vero numero è almeno un milione e mezzo – circa l’1% della popolazione totale di 146 milioni – perché molte persone non sanno di essere positive. In cinque città russe in Siberia e negli Urali – Chelyabinsk, Irkutsk, Samara, Tolyatti e Yekaterinburg – più dell’1.5% della popolazione è positiva all’HIV.

Anche se Vladimir Putin non ha mai descritto l’HIV come “malattia occidentale,” ha mostrato una notevole riluttanza nel discutere l’epidemia di HIV del paese. Se non per alcuni brevi commenti, il presidente russo non parla dell’HIV dal 2006, quando ha chiesto azioni urgenti di contrasto al virus. Eppure negli anni successivi la Russia non ha introdotto l’educazione sessuale nelle scuole e ha represso le ONG che cercavano di diminuire le nuove infezioni.

Tradizionalismo

I critici sostengono che la riluttanza della Russia ad adottare metodi provati e sicuri per ridurre le infezioni da HIV sia un risultato delle politiche ultra-conservatrici promosse dalla potente Chiesa ortodossa russa da quando Putin è ritornato alla presidenza per un terzo mandato nel 2012.

Nel 2013 Pavel Astakhov, ai tempi il più alto funzionario russo per i diritti dei bambini, disse che i romanzi degli autori russi come Leo Tolstoy contengono tutto quello che un bambino deve sapere sull’amore e sul sesso. Astakhov ha lasciato il posto nel 2016, ma le attitudini sono state lente a cambiare. Nel 2017, piani per tenere lezioni online su HIV/AIDS sono stati abbandonati dopo che il ministero dell’istruzione ha insistito sull’evitare “temi delicati” e l’uso della parola “preservativo”.

“Invece dell’educazione sessuale, il governo dice che i giovani devono aderire allo slogan ‘le principali armi contro l’HIV sono amore e fedeltà’,” ha scritto Iskander Yasaveyev, sociologo dell’Alta Scuola di Economia a San Pietroburgo, in un articolo pubblicato da Novaya Gazeta, un giornale d’opposizione.

“Putin, attraverso il suo silenzio e il suo tradizionalismo, ha una parte importante di responsabilità per l’epidemia di HIV in Russia,” ha aggiunto.

Anche le politiche sulle droghe in Russia sono un ostacolo alla diminuzione di nuove infezioni secondo gli attivisti dell’HIV. Il metadone, che i ricercatori internazionali sostengono possa ridurre il rischio di passare il virus riducendo l’uso intravenoso di droghe, è vietato in Russia e chi lo fornisce rischia fino a vent’anni di carcere.

Le conseguenze del divieto russo sul metadone sono state illustrate chiaramente, dopo l’invasione della Crimea, dall’Ucraina, dove la sostanza è prescritta alle persone che soffrono di dipendenza da eroina.

Secondo le Nazioni unite, circa 800 ex dipendenti da eroina sono stati tagliati fuori dal trattamento a base di metadone dopo che la Russia ha annesso la penisola del mar nero nel 2014. Circa 100 sono morti per suicidio, overdose o complicazioni legate all’HIV e alla tubercolosi nell’anno successivo, secondo l’ONU. La Russia ha negato che le morti fossero legate all’illegalità del metadone.

“Agenti stranieri”

Anche le ONG che lavorano con i consumatori di droghe sono state attaccate. La Andrey Rylkov Foundation, che ha circa 25 membri, è l’unica fonte di aghi puliti e gratuiti e preservativi per i dipendenti da sostanze a Mosca, una città di oltre 12 milioni di abitanti.

Nel 2016 il governo russo ha inserito la fondazione in una lista di cosiddetti agenti stranieri perché riceve fondi dall’estero. Ad aprile, l’organizzazione è stata obbligata a limitare l’accesso al suo sito dopo che Vasiliy Piskarev, capo della commissione sicurezza del parlamento russo, l’ha accusata di promuovere l’uso di droga in seguito a un rapporto di un sito d’opposizione sui suoi sforzi per aiutare i dipendenti da sostanze durante il lockdown da coronavirus di Mosca.

“Il governo crede che qualunque attività svolta in conformità alle raccomandazioni dell’OMS è un’attività finalizzata a introdurre un’influenza occidentale per corrompere i giovani russi,” ha detto Anya Sarang, direttrice della fondazione.

Vadim Pokrovsky, l’esplicito capo del centro russo di ricerca federale per la prevenzione e il controllo dell’AIDS a Mosca, ha anche lui spesso dato la colpa al conservatorismo sociale e l’influenza dei gruppi religiosi per spiegare l’aumento delle nuove infezioni da HIV.

“I sentimenti conservatori sono predominanti,” ha dichiarato Pokrovsky recentemente. “Le regole di condotta devono essere consistenti con le tradizioni cristiane, che alcuni credono bastino da sole per ridurre l’aumento delle infezioni.”

Pokrovsky cita la Germania come esempio per combattere efficacemente il virus. La Germania ha circa 3,500 nuove infezioni di HIV all’anno, circa 30 volte meno della Russia. Ha anche tutto ciò che la Russia non ha – educazione sessuale obbligatoria nelle scuole, prostituzione legale, oltre che programmi statali per gli aghi puliti e terapia da sostituzione di oppio.

Anche se la Russia dedica 29 miliardi di rubli (360 milioni di euro) all’anno per la cura dell’HIV, Pokrovsky sostiene che molti dei soldi vengono spesi su medicine non efficaci e con gravi effetti indesiderati. La Russia ha anche problemi nel fornire medicine antiretrovirali a chi ne ha bisogno: solo la metà circa del milione di persone con l’HIV registrate nel paese stanno attualmente ricevendo le cure di cui hanno bisogno, secondo Pokrovsky.

Rivelazione

Nonostante le terrificanti statistiche ci sono i primi segnali che le cose potrebbero lentamente migliorare. Questo barlume di speranza è principalmente merito di un video blogger di 33 anni di nome Yury Dud.

Ex direttore di un sito russo di sport, Dud adesso produce documentari immensamente popolari su temi controversi come i gulag sovietici e l’assedio della scuola Beslan del 2004. L’11 febbraio ha pubblicato un film di quasi due ore chiamato “HIV in Russia – l’epidemia di cui nessuno parla.” In meno di 5 giorni era stato visualizzato da oltre 12 milioni di persone su YouTube. Adesso ha oltre 17 milioni di visualizzazioni.

“Il video è stato una sorta di rivelazione,” ha detto Godlevskaya, l’attivista di EVA. “Le persone hanno smesso di avere paura di essere testate, e molte hanno addirittura cominciato a parlare del loro stato. I servizi sociali in città come mosca hanno anche cominciato a diventare più amichevoli.”

Nei giorni successivi alla pubblicazione del film, le ricerche Google per i testi sull’HIV in russo sono aumentate di 56 volte, mentre ci sono state code per i test in diverse città. Il 17 febbraio il documentario è stato mostrato ai legislatori durante una proiezione speciale al parlamento russo. Anche Dmitry Peskov, portavoce del Kremlino, e alcuni funzionari del ministero della salute lo hanno lodato.

Solo dieci giorni dopo la sua pubblicazione, il 21 febbraio, il parlamento ha tenuto una tavola rotonda a cui hanno partecipato Pokrovsky, funzionari del ministero della salute, oltre che un numero di persone che vivono con la malattia. Anche se lo scoppio del COVID-19 ha ridiretto l’attenzione del governo via dall’HIV, molti attivisti hanno lasciato la tavola rotonda del governo con un raro senso di ottimismo.

“Spero veramente che la tavola rotonda non sia la fine,” ha detto Godlevskaya. “I miei colleghi che sono andati hanno detto che sembrava non fosse stata organizzata solo per fare scena. Vedremo.”

Pokrovsky era più cauto. “La pensiamo sostanzialmente allo stesso modo,” ha detto agli altri partecipanti alla tavola rotonda. “Ma ci sono molte persone intorno a noi che hanno visioni molto più conservatrici. Preparatevi a una battaglia.”


Traduzione di un articolo di Politico Europe

Se ti è piaciuto l'articolo, condividilo sui tuoi social