By: Guido Long

Comments: 0

Le persone che soffrono di disordine post-traumatico da stress (PTSD) riportano che la cannabis riduce la gravità dei sintomi di oltre la metà, almeno nel breve termine, secondo un recente studio guidato da Carrie Cuttler, assistant professor di psicologia alla Washington State University.

Cuttler e i suoi colleghi hanno analizzato i dati di oltre 400 persone che hanno monitorato i cambiamenti nei loro sintomi di PTSD prima e dopo l’uso di cannabis con Strainprint, una app sviluppata per aiutare i consumatori ad imparare che tipi di cannabis terapeutica funzionano meglio per i loro sintomi. Il gruppo ha collettivamente usato la app oltre 11,000 volte per un periodo di 31 mesi.

Pubblicato recentemente sul Journal of Affective Disorders, lo studio mostra che la cannabis riduce la gravità delle intrusioni, pensieri ricorrenti di un evento traumatico, di circa il 62%; i flashback del 51%, l’irritabilità del 67%, e l’ansia del 57%. Le riduzioni dei sintomi non sono però permanenti.

“Lo studio suggerisce che la cannabis riduce i sintomi del PTSD, ma potrebbe non avere benefici a lungo termine sulla condizione di partenza. Lavorando con questo modello, sembrerebbe che la cannabis cancelli temporaneamente i sintomi, agendo un po’ come un cerotto, ma una volta finito il periodo d’intossicazione, i sintomi possono tornare.”

Carrie Cuttler, Assistant Professor di Psicologia, Washington State University

Il PTSD è un disordine che colpisce le persone che hanno vissuto eventi traumatici e impatta le donne ad un tasso che è circa il doppio di quello degli uomini, con una prevalenza su tutta la vita del 9.7% e del 3.6%, rispettivamente. Anche se la terapia è raccomandata come trattamento principale, Cuttler dice che ci sono sempre più prove che molte persone con PTSD si auto-medicano con la cannabis.

“Sembra che molte delle persone con PTSD usino cannabis, ma la letteratura sulla sua efficacia nel gestire i sintomi è un po’ vaga,” ha detto Cuttler.

Questo studio fornisce delle informazioni sull’efficacia della cannabis sui sintomi del PTSD ma, come notano gli autori, è limitato dal fatto che fa affidamento su un campione di persone auto-selezionato che sostengono di avere il PTSD. Non è inoltre possibile paragonare le diminuzioni di sintomi di chi usa cannabis con un gruppo di controllo che usa un placebo.

Anche se alcuni dei trial clinici controllati con il placebo sono stati fatti con il nabilone, una forma sintetica di THC, pochi hanno esaminato gli effetti di tutta la pianta di cannabis sul PTSD.

In questo studio, Cuttler e i suoi colleghi hanno studiato diverse variabili ma non hanno trovato nessuna differenza negli effetti della cannabis con diversi livelli di tetraidrocannabinolo (THC), e cannabidiolo (CBD), due dei più studiati costituenti della cannabis. I risultati implicano che è una combinazione THC, CBD e forse alcune delle molte altre parti della pianta di cannabis che creano l’effetto terapeutico. La cannabis ha molte molecole che creano un effetto biologico, inclusi fino 120 cannabinoidi, 250 terpeni e circa 50 flavonoidi.

Abbiamo bisogno di più studi che analizzano tutta la pianta di cannabis perché questo è ciò che usano le persone, molto di più dei cannabinoidi sintetici,” ha detto Cuttler. È difficile realizzare buoni studi controllati da placebo con tutta la pianta di cannabis, ma ce n’è veramente bisogno.”

Traduzione di un articolo di News Medical

Spread the love

Se ti è piaciuto l'articolo, condividilo sui tuoi social