By: Guido Long

Comments: 0

Il Vecchio Mondo ha avuto una storia straordinaria nella ricerca psichedelica: dopo tutto si tratta del continente dove Albert Hofmann scoprì per la prima volta l’LSD e dove il professore olandese Jan Bastiaans ha curato il trauma dei sopravvissuti dell’Olocausto con la stessa sostanza per molti decenni.

Ora l’ondata psichedelica è tornata in Europa. L’ultimo decennio ha visto una nuova ondata di ricerca accademica in campo psichedelico – un rinascimento di questa frontiera scientifica. Attualmente sono in corso studi di fase 2 per lo studio della psicoterapia assistita dall’MDMA nel trattamento del PTSD in Europa e studi sulla psilocibina in più di una nazione; molteplici centri accademici facilitano la crescita del campo.

Di seguito riassumiamo gli studi psichedelici sperimentali nei campi della psicologia (clinica), della psichiatria e delle neuroscienze in Europa. Molti di questi studi sono ancora giovani e ci vorranno anni per completarli. Tuttavia, questo decennio ospiterà probabilmente momenti storici nello spostare gli psichedelici nel mainstream in Europa – perché la scienza psichedelica ha appena iniziato a grattare la superficie di ciò che è possibile.

Hubs di ricerca

  • Imperial College di Londra 
  • Università di Basilea
  • Università di Zurigo – che è anche un sito di studi ufficiale dello Heffter Research Institute.

Oltre alle ricerche condotte in queste università, sono in corso due sperimentazioni su più siti – sponsorizzate dall’organizzazione no profit MAPS (MDMA) e da quella a scopo di lucro Compass Pathways (psilocibina) – che coinvolgono vari centri di trattamento accademici in Europa nella ricerca psichedelica.

La maggior parte della ricerca psichedelica è concentrata in alcuni principali centri di ricerca. In questi centri vengono eseguiti molteplici studi.

Ricerca sperimentale

Di seguito riassumiamo l’attuale ricerca europea su tre sostanze psichedeliche: LSD, psilocibina e MDMA.

La ricerca sperimentale può essere suddivisa in due categorie di base. I primi sono gli studi clinici, in cui gli psichedelici vengono somministrati ai pazienti. L’altra è la ricerca neurobiologica, in cui viene studiato l’effetto degli psichedelici su partecipanti sani.

Naturalmente, il campo della ricerca psichedelica è molto più ampio e comprende metodi di ricerca naturalistici, storici e qualitativi come quelli utilizzati nelle scienze sociali e umanistiche. Per mancanza di un registro centrale in cui sono registrati tali studi, è più difficile tenere traccia della ricerca non sperimentale (scienze sociali) in corso.

Studi clinici

Per prima cosa guardiamo gli studi clinici in corso.

Studi sull’LSD in Svizzera

“L’LSD è un prodotto Baseler”, ha dichiarato Matthias Liechti al Guardian sul prodotto più famoso di Basilea, in Svizzera. Liechti – professore di farmacologia clinica presso l’ospedale universitario di Basilea e relatore all’ICPR 2020 – studia gli effetti dell’LSD sulla mente e sul corpo umano. “È legato alla storia di Basilea come centro di farmacologia e innovazione”.

È appropriato che quasi tutte le ricerche sull’LSD si tengano nel “luogo di nascita” della sostanza, Basilea.

L’LSD come trattamento per cefalea a grappolo – Ospedale universitario di Basilea

Il mal di testa a grappolo è la forma più dolorosa e debilitante di mal di testa, per la quale i farmaci disponibili spesso non funzionano a sufficienza. È stato segnalato che l’LSD interrompe gli attacchi di cefalea a grappolo e ne riduce la frequenza. Diretto dal ricercatore capo Professor Matthias Liechti e condotto da Yasmin Schmid, MD, questo studio crossover, controllato con placebo, somministrerà LSD (o un placebo) a 30 pazienti affetti da cefalea a grappolo. Riceveranno tre dosi da 100 microgrammi per un periodo di tre settimane.

Terapia LSD per la depressione severa – Ospedale universitario di Basilea.

Questo studio metterà alla prova l’efficacia della terapia con LSD nei pazienti con disturbo depressivo severo e sta reclutando 60 pazienti. Il gruppo di trattamento avrà due sessioni con LSD (100 e 200 μg) e il gruppo di controllo subirà due sessioni con un placebo attivo (25 μg e 50 μg di LSD). Questo studio è condotto dal Prof. Dr. med. Stefan Borgwardt e ha appena iniziato a reclutare. Si stima che sarà completato entro l’estate del 2023.

Trattamento all’LSD per l’ansia nelle malattie somatiche gravi – Ospedale universitario di Basilea

In questo studio, 40 pazienti con un disturbo d’ansia riceveranno una singola dose di LSD. Grazie al suo design incrociato all’interno dei soggetti, tutti i pazienti riceveranno sia una dose di placebo che una dose attiva: 200 μg di LSD. Questo studio è una collaborazione tra l’ospedale universitario di Basilea e lo studio privato di Peter Gasser, MD, che è anche il principale investigatore dello studio.

Studi sulla psilocibina in Europa

Circa un terzo di tutti gli studi sperimentali sulla psilocibina si svolgono in Europa. Tutti i centri di ricerca psichedelici europei – Università di Zurigo, Ospedale universitario di Basilea e Imperial College di Londra – sono attualmente coinvolti nella ricerca clinica o neurobiologica con la psilocibina. L’Europa ospita anche 11 dei 21 siti dello studio clinico sulla terapia con psilocibina per la depressione resistente al trattamento, per il quale il suo sponsor Compass Pathways ha ottenuto lo status di terapia rivoluzionaria dalla FDA nel 2018.

Studi clinici con pazienti:

Psilocibina vs Escitalopram per disturbo depressivo severo – Imperial College, Londra

Questo studio sta reclutando 50 pazienti affetti da depressione al fine di confrontare l’efficacia e i meccanismi di azione della psilocibina con SSRI Escitalopram. Il principale investigatore di questo studio è il professor David Nutt.

Effetti clinici, neurocognitivi ed emotivi della psilocibina nei pazienti depressi – Proof of Concept – Università di Zurigo

Questo studio sta reclutando 60 partecipanti con un episodio depressivo lieve o moderato. Riceveranno una singola dose di psilocibina (0,215 mg / kg di peso corporeo) o una singola dose di placebo. Questa ricerca è condotta dal professor Franz X Vollenweider.

Effetti clinici e meccanicistici della psilocibina nei pazienti con dipendenza da alcol – Università di Zurigo

Questo studio metterà alla prova l’efficacia della psilocibina nel trattamento del disturbo da consumo di alcol e studierà i meccanismi neurobiologici sottostanti in uno studio randomizzato, controllato con placebo. 60 partecipanti sono assunti per questo studio. Sei settimane dopo aver subito un trattamento di sospensione, riceveranno una singola dose di placebo o una singola dose di psilocibina (25 mg, per via orale). La Dr. Katrin Peller è la principale investigatrice di questo studio.

La sicurezza e l’efficacia della psilocibina nei partecipanti con depressione resistente al trattamento. Questa è una sperimentazione clinica multi-sito con 21 sedi di studio in Nord America ed Europa, sponsorizzata dall’organizzazione (a scopo di lucro) Compass Pathways. I seguenti siti europei sono coinvolti in questo studio:

Enhed for Psykiatrisk Forskning, Psykiatrien i Aalborg – Aalborg, Danimarca
Tallaght University Hospital – Dublino, Irlanda
Groningen University Medical Centre – Groningen, Paesi Bassi
Leiden University Medical Centre – Leiden, Paesi Bassi
Utrecht University Medical Centre – Utrecht, Paesi Bassi
Hospital de Dia Numancia – Barcellona, Spagna
Institute Hospital del Mar of Medical Research (IMIM) – Barcellona, Spagna
Clinical Research and Imaging Centre – Bristol, Regno Unito
Wolfson Research Centre, Campus for Ageing and Vitality – Newcastle Upon Tyne, Regno Unito Kings College London, Institute of Psychiatry, Psychology and Neurology – Londra, Regno Unito Greater Manchester Mental Health Foundation Trust – Manchester, Regno Unito

Studi sulla MDMA di MAPS

La Multidisciplinary Association for Psychedelics Studies degli Stati Uniti – e guidata da Rick Doblin – sta pianificando studi clinici di fase 2 e fase 3 per sviluppare la psicoterapia assistita da MDMA in un trattamento approvato per il PTSD. Al fine di condurre parte di questi trial in Europa, MAPS ha creato una filiale europea.

Sei siti di ricerca in cinque paesi europei sono coinvolti nello “Studio multi-sito di sicurezza ed effetti della psicoterapia assistita da MDMA per il trattamento del PTSD con sotto-studio opzionale fMRI”:

  • Cechia – NUDZ – Istituto Nazionale di Salute Mentale, Klecany
  • Norvegia – Sykehuset Østfold Hf, DPS Norder, Moss
  • Paesi Bassi 
    • Università di Maastricht, Dipartimento di Neuropsicologia e Psicofarmacologia – Maastricht
    • Stichting Centrum ‘45/Arq – Oestgeest
  • Portogallo – Fundação de Anna de Sommer Champalimaud, Lisbona
  • Regno Unito – University Hospital of Wales – Centro di Ricerca, Cardiff

L’Università di Bristol e l’Imperial College di Londra stanno collaborando a uno studio in corso sull’MDMA come trattamento per l’alcolismo. Il “Bristol Imperial MDMA in Alcoholism Study (BIMA)” è uno studio di fattibilità all’interno del soggetto in aperto su 20 pazienti con Disturbo dell’uso di alcol recentemente sottoposti a disintossicazione. Lo studio è condotto da Ben Sessa, MD e il suo investigatore principale è il professor David Nutt.

Studi sullo stato psichedelico stesso

LSD e psilocibina

Confronto diretto tra stati di coscienza alterati indotti da LSD e psilocibina – Ospedale universitario di Basilea

Sia l’LSD che la psilocibina sono usati come strumenti farmacologici nelle neuroscienze. Tuttavia, non esistono studi moderni che confrontino queste due sostanze direttamente all’interno dello stesso studio clinico e utilizzino strumenti psicometrici consolidati. In questo studio i ricercatori confronteranno gli effetti acuti di LSD, psilocibina e placebo. A 30 partecipanti sani verranno somministrati vari dosaggi di questi psichedelici, i cui effetti saranno misurati con vari strumenti di valutazione.

Lo studio è condotto da Friederike Holze e dal professor Matthias Liechti.

Effetti dell’inibizione del trasportatore della serotonina sulla risposta soggettiva alla psilocibina in soggetti sani – Ospedale universitario di Basilea

Lo scopo dello studio è di studiare gli effetti della psilocibina dopo Escitalopram e il pretrattamento con placebo. Saranno valutati gli effetti soggettivi e fisiologici nonché gli effetti sull’espressione genica. Questo studio sta assumendo 24 partecipanti sani che saranno pretrattati con Escitalopram o un placebo. In ciascuno dei 2 giorni di studio, i partecipanti riceveranno 25 mg di psilocibina per via orale. Il professor Matthias E. Liechti è il principale investigatore di questo studio.

Effetti acuti comparativi di LSD, Psilocibina e Mescalina – Ospedale universitario di Basilea

Questo studio confronta gli effetti acuti di LSD, psilocibina, mescalina e placebo in un design incrociato in 4 periodi controllato con placebo. In quattro sessioni separate, i 25 partecipanti sani riceveranno 100 μg di LSD, 20 mg di psilocibina, 300 mg di mescalina e un placebo. Il professor Matthias E. Liechti è il principale ricercatore in tutti e tre gli studi sulla psilocibina che si svolgono a Basilea.

Beyond the Self and Back: meccanismi neurofarmacologici alla base della dissoluzione del sé – Università di Zurigo

In termini di numero di partecipanti a un singolo studio, questo è attualmente il più grande studio sperimentale sulla psilocibina in Europa. 140 partecipanti sani sono divisi in 4 gruppi, ognuno con la propria configurazione controllata con placebo. Uno dei gruppi è costituito da meditatori a lungo e breve termine durante un ritiro di gruppo di 5 giorni. Lo scopo dello studio è identificare le firme neurali, le espressioni comportamentali e fenomenologiche dei processi autonomi.

Caratterizzazione degli stati di coscienza alterati in esseri umani sani – Università di Zurigo

Questo studio utilizza una combinazione di stimolazione magnetica transcranica (TMS) ed elettroencefalografia ad alta densità (hd-EEG) per misurare il livello di coscienza in uno stato di coscienza farmacologicamente alterato (indotto dalla psilocibina).

Il ricercatore capo, il professor Franz X. Vollenweider e il suo team stanno reclutando 25 partecipanti sani per questo studio.

MDMA e paura

• L’ospedale universitario di Basilea sta attualmente reclutando partecipanti sani per uno studio chiamato “L’effetto dell’MDMA (rilascio di serotonina) sull’estinzione della paura”. L’estinzione della paura è un processo psicologico che svolge un ruolo cruciale nel trattamento di disturbi come il PTSD. Sebbene l’MDMA abbia dimostrato di migliorare l’estinzione della paura negli animali, non esistono dati sull’effetto dell’MDMA sull’estinzione della paura nell’uomo. Il ricercatore principale in questo studio è il professor Matthias E. Liechti, MD.

Qualora foste interessati a contribuire alla scienza partecipando a uno studio clinico / di neuroimaging: la maggior parte di questi studi sta ancora assumendo. Cercateli su questo sito per studiare i loro criteri di inclusione ed esclusione e per saperne di più.

1 La FDA (Food and Drug Administration negli Stati Uniti) ha assegnato la dicitura “terapia rivoluzionaria” alla psicoterapia assistita da MDMA per PTSD (sponsorizzata da MAPS) nel 2017. Nel 2018 è stato concesso al trattamento della depressione con psilocibina (sponsorizzato da Compass Pathways) lo stato di terapia rivoluzionaria, seguito da una designazione per la ricerca di Usona nel 2019, anche per il trattamento della depressione severa con terapia assistita da psilocibina.

2 Naturalmente ci sono altri psichedelici, ma per lo scopo di questo articolo ci concentriamo sulle sostanze più popolari per la ricerca clinica. Ci concentriamo anche su studi che inducono effetti psichedelici, diversamente da molti studi sulla ketamina in cui vengono utilizzati dosaggi sub-psichedelici.

Traduzione di un articolo della Interdisciplinary Conference on Psychedelic Research

Se ti è piaciuto l'articolo, condividilo sui tuoi social