By: Guido Long

Comments: 0

Membri importanti della CDU, il partito di Angela Merkel, hanno cominciato a parlare apertamente di legalizzazione della cannabis in Germania. Questa mossa rappresenterebbe un cambio storico per il partito conservatore.

Il partito tedesco di centrodestra, l’Unione Cristiano-Democratica (CDU), sta apertamente considerando un radicale cambio di rotta rispetto alla legalizzazione della cannabis.

“La cannabis potrebbe essere legalizzata per uso personale, ovviamente con produzione e distribuzione controllata,” ha detto il portavoce della CDU per la politica interna, Marian Wendt. “Le risorse liberate nella polizia e nel sistema giudiziario dovrebbero essere usate per combattere il traffico illecito.”

L’affermazione di Wendt è venuta dopo che il responsabile per la politica sulle droghe del governo tedesco, Daniela Ludwig, ha anche segnalato una politica sulle droghe più liberale del partito conservatore.

Ludwig, del partito bavarese affiliato alla CDU, la CSU (Unione Cristiano-Sociale), ha detto che “Dobbiamo finirla con i dibattiti ideologici da bianco o nero, perché non andremo avanti.”

Invece, la nuova commissaria alle droghe ha detto che il focus della politica sulle droghe dovrebbe essere sulla praticità. “In fin dei conti, qual è il modo migliore per proteggere la vita delle persone, specialmente i giovani, e quale percorso ha più senso per la situazione in questo paese?”

Ludwig ha anche detto che il partito sta “pensando” alla legalizzazione “da anni”. “Ovviamente non diventi dipendente se la provi una volta,” ha aggiunto. “Questo è esattamente il motivo per cui abbiamo guardato a diversi progetti per la distribuzione controllata.”

Cambio di passo

Tutto ciò rappresenta un tono molto diverso rispetto a quello della sua predecessora Marlene Mortler, anche lei della CSU, che l’anno scorso ha dichiarato in un comunicato: “Il dibattito costante sulla legalizzazione va nella direzione sbagliata. Suggerisce, ai giovani in particolare, che la cannabis non è una sostanza pericolosa – questo è semplicemente falso!”

Al momento, la cannabis in Germania è legale solo per uso strettamente medico. La pianta può essere coltivata, venduta, posseduta, importata o esportata solo con il permesso dell’Istituto Federale per le Medicine e gli Strumenti Medici. Alle persone gravemente malate si possono prescrivere medicine a base di cannabis.

Nella pratica, però, lo stato in genere non persegue il possesso di 6 grammi o meno, un limite concordato dai ministri degli interni degli stati federali l’anno scorso.

Il partito di Angela Merkel è l’ultimo dei principali partiti politici in Germania che mantiene una politica sulle droghe proibizionista, contro le politiche di legalizzazione sviluppate dai Social-Democratici, i Verdi, i Liberali e la Sinistra.

L’anno scorso, numeri ufficiali del governo hanno indicato come 4 milioni di tedeschi usano la cannabis, con il 17% dei giovani di età compresa tra i 18 e i 25 anni che dichiara di averla usata nei precedenti 12 mesi.

Traduzione di un articolo di Deutsche Welle

Facebook
Twitter
LinkedIn