Funghetti essiccati, da Double Blind Magazine

By: Guido Long

Comments: 0

La psilocibina potrebbe essere sicura per curare la depressione ma la ricerca è bloccata dai controlli del governo

Cure potenziali per depressione acuta, dipendenza e altri disordini di salute mentale sono ostacolati da restrizioni eccessive sulla psilocibina, l’ingrediente attivo nei funghi allucinogeni, secondo scienziati e politici.

I trial clinici indicano che la psilocibina potrebbe essere una medicina sicura ed efficace per pazienti con certe malattie psichiatriche che non rispondono a terapie della parola, antidepressivi e altre sostanze. Ma i ricercatori dicono che il loro lavoro è impedito dal governo che impone i controlli più stretti possibili sul composto chimico.

In un rapporto pubblicato dall’Adam Smith Institute, un think tank a favore del libero mercato, e il gruppo Conservatore per la riforma delle politiche sulle droghe, si invitano i ministri a rivedere lo status della psilocibina e a rimuovere gli ostacoli per i ricercatori.

Stando alle regole del Ministero dell’Interno, la psilocibina è classificata nella tabella 1, insieme a oppio, LSD, ecstasy e cannabis, e non è considerata un composto medico. Mentre i trial clinici sono permessi sotto licenza, ottenerne una richiede più tempo e soldi rispetto a quanto molti ricercatori possano permettersi, secondo gli autori.

Il rapporto si appella al governo affinché renda la psilocibina una sostanza della tabella 2, il che ridurrebbe drasticamente il costo e il tempo per ottenere una licenza e rimuoverebbe lo stigma intorno alla sostanza.

Jo Neill, co-autrice del rapporto e professoressa di psicofarmacologia alla Manchester University, ha detto: “i pazienti ci rimettono perché ci vuole molto più tempo e costa molto di più ottenere le prove per far approvare l’uso della psilocibina. E nel frattempo ci sono pazienti che muoiono, ci sono persone che si uccidono.

“Ci sono persone che farebbero queste ricerche ma non lo fanno perché non se lo possono permettere e sanno che ci vuole un anno per ottenere la licenza. Non possono aspettare così a lungo. Se la psilocibina venisse riclassificata, tutte le università avrebbero un programma su questo. È molto frustrante.”

I primi trials indicano che una o due dosi di psilocibina portano ad un miglioramento immediato nell’ansia e nella depressione, ma questi trials sono spesso estremamente cari. Neill, che è anche a capo del gruppo di lavoro sugli psichedelici medici per la no-profit DrugScience, ha detto che un trial costa 20,000 sterline perché sono necessarie sei diverse licenze che costano 3,000 sterline l’una per coprire tutto dalla manifattura alla distribuzione.

“Abbiamo un enorme bisogno medico non soddisfatto in psichiatria,” ha detto. “Ci sono tanti buoni trattamenti con il servizio sanitario nazionale, tanta terapia parlata, e gli antidepressivi funzionano per alcune persone. Ma c’è un grande numero di persone che semplicemente non vengono curate. Dobbiamo guarire le persone e queste sostanze semplicemente guariscono.”

David Nutt, professore di neuropsicofarmacologia all’Imperial College di Londra, che non era coinvolto nel rapporto, ha detto che le licenze per la tabella 1 costano migliaia di sterline e ci vuole un anno o più per ottenerle.

“La maggior parte delle università non pagano quindi la ricerca è bloccata,” ha detto. “La tabella 1 non ha un ruolo nel fermare l’uso ricreativo visto che non c’è mai stata diversione da un laboratorio di ricerca alla strada. L’eroina e il fentanyl – due droghe molto più ricercate – sono nella tabella 2, quindi dico: fateci conservare la psilocibina insieme a loro. Sarebbe perfettamente sicuro e molto più semplice visto che a tutte le università e gli ospedali vengono date sostanze della tabella 2 gratis come diritto.”

Crispin Blunt, deputato conservatore e presidente del gruppo Conservatore per la riforma delle politiche sulle droghe, ha detto che la classificazione nella tabella 1 ha portato a un “blackout scientifico che dura da quasi 50 anni” che “preclude nuovi trattamenti, e con loro, la prospettiva di una vita migliore per milioni di persone”.

Un portavoce del Ministero dell’Interno ha detto: “Dobbiamo trovare un equilibrio tra il permettere la ricerca legittima e assicurare un ambiente in cui droghe pericolose non vengano abusate e non finiscano nelle mani di criminali. La classificazione attuale della psilocibina nella tabella 1 non previene la ricerca o i trial clinici sotto licenza.”

Traduzione di un articolo del Guardian

Spread the love

Se ti è piaciuto l'articolo, condividilo sui tuoi social