By: Guido Long

Comments: 0

Marco Perduca e Guido Long raccontano per Fuoriluogo la presa di posizione dell’ONU nei confronti della war on drugs del Presidente delle Filippine Rodrigo Duterte.

Nel mese di luglio c’è stata un’escalation della pressione internazionale sul Presidente delle Filippine Duterte che ha innescato risposte tattiche da parte dell’interessato. Il Consiglio per i diritti umani delle Nazioni Unite ha votato e deciso a maggioranza che venga preparato un rapporto di esperti sulle modalità con cui Duterte ha lanciato la sua guerra alla droga. La risoluzione, approvata con 18 voti favorevoli, 14 contrari e 15 astensioni, esprime “preoccupazione per le violazioni di diritti umani nel paese”, e “invita il governo a collaborare con meccanismi e esperti di diritti umani dell’ONU” per accertare il modus operandi dei coinvolti nelle operazioni di polizia. A favore della risoluzione si sono schierati i paesi europei, mentre la Cina ha descritto la risoluzione come una questione di politica interna e ha votato contro.

Continua a leggere l’articolo su Fuoriluogo

Facebook
Twitter
LinkedIn