By: Guido Long

Comments: 0

I ricercatori hanno scoperto che nel centro sono state invertite 33 overdosi con il naloxone

Per cinque anni, un centro per l’iniezione supervisionata segreto ha operato negli Stati Uniti, permettendo ai consumatori di droga di iniettare oltre 10,000 volte in un ambiente sterile e protetto.

L’operazione illegale è modellata in modo simile a siti legali in Canada ed Europa, che cercano di fornire ai consumatori di droga un luogo dove ottenere forniture pulite, entrare in contatto con i servizi sociali ed evitare di fare overdose in posti pericolosi.

Uno studio sul sito underground pubblicato sul New England Journal of Medicine ha rivelato come si potrebbero salvare vite se gli USA approvassero questi centri.

Nel sito clandestino ci sono state 33 overdosi da oppiacei che sono state invertite con il naloxone, secondo ricercatori alla no-profit RTI International e la University of California, San Diego.

“Non soltanto si sono salvate tutte e 33 le overdosi, ma nessuna di loro ha necessitato che qualcuno chiamasse il 911 o venisse mandato in ospedale,” ha detto Alex Kral, un epidemiologo di RTI International. “Questo è una gran parte di ciò che facciamo – non dobbiamo sovraffollare il sistema di emergenza con tutte queste overdosi se le persone si trovano all’interno e hanno personale formato che li monitora.”

Un’organizzazione non nominata ha creato il sito nel settembre 2014 in risposta alla crisi da overdose di oppiacei. Anche se i tassi di morte per overdose sono leggermente calati negli ultimi anni, sono ancora significativamente più alti che nei decenni precedenti e circa 70,000 persone sono morte per overdose nel 2018.

Il centro underground ha sei stazioni per le iniezioni usando equipaggiamento sterile, secondo lo studio. C’è una seconda stanza in cui le persone passano il tempo dopo l’iniezione ed entrambe le sale hanno staff formato nel counseling e sul come intervenire durante una overdose.

Per accedere al sito le persone devono essere invitate, portare le proprie sostanze, aver già iniettato droghe in passato ed avere almeno 18 anni. Il numero di persone ammissibili è limitato a 60.

Lo studio di 10,514 iniezioni al centro ha scoperto un cambiamento significativo nel tipo di droghe che le persone hanno usato nel periodo di 5 anni. Nel 2014, il 5% delle iniezioni includeva una combinazione di oppiacei e stimolanti, mentre nel 2019 erano il 60%.

Lo studio ha solo monitorato larghe categorie di uso di droga – oppiacei, stimolanti e una combinazione di entrambi – perché informazioni più specifiche potrebbero rivelare il luogo del centro.

Se queste informazioni più specifiche potessero essere rese pubbliche, sarebbe utile per i ricercatori come Kral per capire meglio i modelli di uso droghe in una comunità. “Riceverei informazioni continue dal sito, con la gente che mi direbbe: ‘il fentanyl è strano, ho preso questo la settimana scorsa, ha un odore diverso dal solito,’” ha detto Kral.

Se i centri fossero legali, gli enti di sanità pubblica avrebbero un accesso migliore ai trend attuali di uso di droga, invece del solito metodo di aspettare i rapporti sulle overdosi per mesi.

In diversi siti legali in Canada le droghe possono essere testate in delle macchine che allertano i consumatori e gli esperti di salute pubblica di lotti non di qualità, che possono portare a pericolose overdosi di massa.

“Potremmo fare molto se lo volessimo, se ci fosse volontà politica, farebbe una gran differenza,” ha detto Kral.

Alcuni rappresentanti del governo in città come San Francisco e Filadelfia supportano l’apertura di questi centri alla luce di ricerche che dimostrano come aiutino la salute pubblica.

I centri per le iniezioni supervisionati riducono le overdosi e migliorano l’accesso ai servizi sanitari, secondo uno studio del 2014 che analizza 75 ricerche su centri ovunque nel mondo. Sono anche associati a un minore uso di droghe all’esterno e non aumentano l’uso di droghe o la criminalità.

Filadelfia ha quasi aperto un centro a febbraio ma l’ha rimandato per via di preoccupazioni della comunità. Il 24 giugno, il giudice federale che ha autorizzato il sito, che sarà gestito dalla no-profit Safehouse, ha messo il caso in pausa per via di disturbi dovuti al Covid-19 e le manifestazioni contro il razzismo sistemico. Il giudice Gerald McHugh ha scritto che era “il momento sbagliato per un’altra modifica dello status quo.”

L’attorney general della California, Xavier Becerra, ha pubblicato un briefing in supporto al centro di Safehouse. Ha detto che la “California è sempre stata una innovatrice, e siamo impegnati nel fare ciò che serve per tenere le nostre comunità al sicuro e in salute.”

Quest’anno, la legislatura della California discuterà un disegno di legge che offre protezioni legali a chi apre questi centri. E in Massachusetts membri del comitato per la salute mentale, l’abuso di sostanze e il recupero dello stato hanno approvato a maggio una legge che legalizzerebbe i siti – ma deve essere approvata dal senato e dalla camera dei rappresentanti dello stato per diventare legge.

Kral ha detto che mentre cinque o sei anni fa non si sarebbe mai aspettato che la conversazione sui centri per l’iniezione supervisionata sarebbe avanzata come ha fatto negli USA ci sono ancora ostacoli significativi.

“Con 70,000 persone all’anno che ne muoiono, è pazzesco che non si faccia di più a riguardo e questa è la soluzione ovvia, e in almeno alcuni posti è provata,” ha detto Kral. “Ma credo che il fatto che non sia ancora successo dimostra ancora come la percezione pubblica sia difficile da affrontare.”

Traduzione di un articolo di The Guardian

Spread the love

Se ti è piaciuto l'articolo, condividilo sui tuoi social