By: admindunp

Comments: 0

Pubblichiamo a seguire il comunicato stampa della Drug Policy Alliance sulla lettera firmata anche dai segretari di Radicali Italiani, Riccardo Magi, e dell’Associazione Luca Coscioni, Filomena Gallo. 

In vista della sessione speciale delle Nazioni Unite, oltre 1.000 leader di tutto il mondo si appellano a Ban ki-Moon perché finisca la “disastrosa” guerra alla droga. Tra gli italiani Emma Bonino, Marco Pannella, Roberto Saviano, Umberto Veronesi e don Luigi Ciotti.

Gli ex presidenti di Messico, Colombia, Brasile, Cile, Nigeria, Capo Verde, Svizzera, Portogallo e Polonia e oltre mille personalità si sono uniti a studiosi, giuristi, religiosi, imprenditori, e parlamentari per chiedere politiche alternative al sistema proibizionista del controllo mondiale della droga.

“L’umanità non può permettersi nel XXI secolo una politica sulle droghe inefficace e controproducente come quella dell’ultimo del secolo,” recita la lettera (sotto il testo completo).

Alla vigilia dell’Assemblea Generale delle Nazioni Unite Sessione del 19-21 aprile 2016 (UNGASS) dedicata al problema mondiale della droga, decine di leader e centinaia di militanti di tutto il mondo hanno firmato una lettera al Segretario Generale delle Nazioni Unite Ban Ki-moon per invitarlo ad creare le condizioni “per una vera riforma delle politiche globali di controllo della droga”.

“Il regime di controllo delle droghe emerso nel corso del secolo scorso”, dice la lettera, “si è dimostrato disastroso per la salute globale, la sicurezza e i diritti umani. Focalizzato sulla criminalizzazione e la punizione, quel sistema ha creato un enorme mercato illegale che ha arricchito le organizzazioni criminali, i governi corrotti, innescato la violenza esplosiva, distorto mercati economici e minato valori morali fondamentali.

“I governi dedicano risorse sproporzionate per la repressione a scapito degli sforzi per migliorare la condizione umana in tutti i suoi aspetti. Decine di milioni di persone, minoranze per lo più poveri e razziali ed etniche, sono state incarcerate per reati connessi alle droghe, nella stragrande maggioranza dei casi per piccoli crimini che non comportano la violenza in materia di droga, e questo con poco, o nessun, beneficio per la sicurezza pubblica. Al contempo, l’uso problematico di droga, l’HIV / AIDS, l’epatite e altre malattie infettive si sono diffuse rapidamente in connessione con l’applicazione di leggi proibizioniste che hanno anche bloccato o ritardato, se non impedito, programmi di riduzione del danno e altre politiche sanitarie efficaci.

“L’influenza e la diversità dei leader che hanno firmato questa lettera è senza precedenti”, ha detto Ethan Nadelmann, direttore esecutivo della Drug Policy Alliance, che ha promosso l’iniziativa in collaborazione con decine di organizzazioni e militanti di tutto il mondo. “Mai prima d’ora così tante voci autorevoli si son unite nel chiedere una riforma delle fondamenta delle politiche di controllo delle droghe – in particolare limitando ‘il ruolo di criminalizzazione e della giustizia penale. Una riforma necessaria per proteggere la salute e la sicurezza’.”

La Sessione speciale delle Nazioni Unite, che si terrà dal 19 al 21 aprile, è il primo appuntamento dal 1998, quando con lo slogan illusorio, ma ufficiale delle Nazioni Unite “Un mondo libero dalla droga – possiamo farcela!” gli Stati Membri delle Nazioni unite furono convocati al Palazzo di Vetro. Questa UNGASS è stato proposta alla fine del 2012 dal governo messicano, con un forte sostegno da parte di altri governi latinoamericani. L’anno scorso il segretario generale dell’ONU Ban Ki-moon ha chiaramente invitato i governi a “condurre un ampio e aperto dibattito che tenga in considerazione tutte le opzioni.” La lettera resa pubblica  oggi è anche il frutto degli ostacoli che nei mesi scorsi son stati posti al dibattito alle Nazioni Unite.

“Questa lettera è stata scritta e in sole due settimane”, ha detto Nadelmann. “I firmatari rappresentano una piccola frazione delle personalità della politica, dell’accademia, del diritto e degli operatori dell’ordine pubblico, della salute e della medicina, della cultura e dell’intrattenimento oltre che di decine di gruppi religiosi”

“Dal 1998 abbiamo fatto molta strada”, ha detto Nadelmann, “con un numero crescente di paesi che hanno rifiutato questa retorica sulla droga retorica e politiche di vera e propria guerra. Ma i progressi compiuti fino ad son niente rispetto alle riforme ancora necessarie”. Come si legge nella lettera:”. E’ necessario una nuova risposta globale relativamente ai farmaci essenziali, nel campo della scienza, della compassione, della salute e dei diritti umani “.

La Drug Policy Alliance (DPA) è la principale organizzazione degli USA di persone che credono che la guerra alla droga sta facendo più male che bene. La DPA si batte per politiche sulle droghe che tengano conto della scienza, della compassione, della salute e dei diritti umani.

Testo della lettera aperta a Ban Ki-moon

“Egregio Segretario Generale,

in vista dell’appuntamento di New York della Sessione Speciale dell’Assemblea Generale ONU sul problema globale delle droghe (UNGASS) del 19-21 aprile, ci rivolgiamo alla Sua leadership illuminata per richiamare l’attenzione sulla necessità di riformare le politiche relative al problema globale della droga.

Il regime di controllo della droga adottato nell’ultimo secolo non ha fatto altro che causare disastri per quanto attiene la salute globale, la sicurezza e i diritti umani. Focalizzato perlopiù sulla criminalizzazione e la punizione, ha creato un vasto mercato dell’illecito che ha arricchito le organizzazioni criminali, corrotto i governi, scatenato una violenza esplosiva, distorto i mercati economici e indebolito i valori morali fondamentali.

I Governi hanno devoluto risorse sproporzionate alla repressione, e a farne le spese sono stati gli sforzi volti a migliorare la condizione umana. Decine di milioni di persone, perlopiù appartenenti a minoranze razziali ed etniche che versano in povertà assoluta, sono state incarcerate per violazioni prevalentemente relative a reati minori che non includono la violenza, come la detenzione di pochi grammi di stupefacenti, ottenendo come risultato pochissimi benefici per la sicurezza pubblica. L’uso problematico delle sostanze e l’HIV/AIDS, le epatiti e altre malattie infettive si sono diffusi rapidamente mentre leggi proibizioniste, agenzie governative e un’attitudine generalizzata impediva programmi di riduzione del danno e di altre politiche sanitarie efficaci.

Il genere umano non può permettersi un ventunesimo secolo di politiche sulla droga inefficaci e contro-producenti come quelle del secolo scorso. Una nuova risposta globale al problema delle droghe si rende ora necessaria, fondata sulla scienza, sulla compassione, la salute e i diritti umani.

Il ruolo della criminalizzazione e della giustizia penale deve essere limitato al massimo e applicato solo quando necessario per la protezione della salute e della sicurezza. La leadership di questo processo deve essere di coloro che riconoscono l’uso di sostanze psicoattive come un problema riguardante primariamente e principalmente la salute. Gli sforzi per il controllo della droga non devono mai produrre un danno maggiore ad un beneficio o addirittura causare un danno maggiore di quello prodotto dall’uso stesso delle sostanze.

Siamo rincuorati dagli sviluppi positivi che si sono registrati a livello globale dal 1998, anno in cui le Nazioni Unite si sono riunite l’ultima volta nella sessione speciale sulla droga. I programmi sulla riduzione del rischio, comprovati scientificamente e adottati ormai da quasi 100 paesi, sono riusciti a contenere la diffusione dell’HIV/AIDS e di altre malattie infettive, oltre che a curare la dipendenza dalle droghe e a ridurre la criminalità a esse legata.

Un crescente numero di città, stati e governi nazionali ha smesso di trattare l’uso di droga e il possesso di sostanze come un crimine. Alcuni stanno iniziando a regolamentare legalmente l’uso di cannabis a scopo terapeutico tanto quanto a fini “ricreativi”. Sempre di più viene riconosciuta la necessità di rendere rapidamente disponibili medicine essenziali oggi strettamente controllate, specialmente quelle per il trattamento del dolore e per le cure palliative, nei paesi sottosviluppati. Ma riforme ancora più estese e strutturali sono ora essenziali.

Egregio Segretario Generale, ci siamo sentiti incoraggiati l’anno scorso, quando sollecitò i governi a utilizzare l’opportunità fornita da UNGASS “per condurre un dibattito esteso e ampio che tenga in considerazione tutte le opzioni”. Purtroppo, così non è stato – almeno all’interno delle Nazioni Unite.

La sua leadership adesso è necessaria per assicurare che i semi delle riforme vengano alimentati, non abbandonati, e che vi sia uno spazio per una reale riforma delle politiche di controllo sull’uso di droga”.


Notice: Undefined index: sfsi_plus_okIcon_order in /home/fydvpmfz/public_html/wp-content/plugins/ultimate-social-media-plus/libs/sfsi_widget.php on line 287

Notice: Undefined index: sfsi_plus_telegramIcon_order in /home/fydvpmfz/public_html/wp-content/plugins/ultimate-social-media-plus/libs/sfsi_widget.php on line 288

Notice: Undefined index: sfsi_plus_vkIcon_order in /home/fydvpmfz/public_html/wp-content/plugins/ultimate-social-media-plus/libs/sfsi_widget.php on line 289

Notice: Undefined index: sfsi_plus_wechatIcon_order in /home/fydvpmfz/public_html/wp-content/plugins/ultimate-social-media-plus/libs/sfsi_widget.php on line 290

Notice: Undefined index: sfsi_plus_weiboIcon_order in /home/fydvpmfz/public_html/wp-content/plugins/ultimate-social-media-plus/libs/sfsi_widget.php on line 291

Notice: Undefined index: sfsi_plus_weibo_display in /home/fydvpmfz/public_html/wp-content/plugins/ultimate-social-media-plus/libs/sfsi_widget.php on line 372
Facebook
Twitter
LinkedIn