Apprezziamo i chiarimenti della Ministra Grillo su CSS e cannabis light: ora presentiamo il Libro Bianco! - Legalizziamo!
18834
post-template-default,single,single-post,postid-18834,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,side_area_uncovered_from_content,qode-theme-ver-9.1.2,wpb-js-composer js-comp-ver-4.11.2,vc_responsive

22 Giu Apprezziamo i chiarimenti della Ministra Grillo su CSS e cannabis light: ora presentiamo il Libro Bianco!

Cannabis: Associazione Coscioni saluta chiarimenti della Ministra Grillo e la invita alla presentazione del IX Libro Bianco sulle Droghe.

In termini di regolamentazione del settore l’associazione delle libertà civili insieme al “Cartello di Genova” ha individuato 6 principali obiettivi

“Diamo atto alla Ministra della Salute Giulia Grillo” ha detto Marco Perduca dell’Associazione Luca Coscioni “di aver fatto chiarezza relativamente al parere del Consiglio Superiore della Sanità che invitava a tornare a proibire la cosiddetta cannabis light ri-legalizzata nel dicembre 2016.

Chiarito che per la Ministra Grillo ’il divieto non è in discussione’ e che piuttosto sia necessaria una chiara ‘regolamentazione del settore’, la invitiamo il 26 giugno alla sala Nassirya in Senato per la presentazione del IX Libro Bianco sulle Droghe preparato dal Cartello di Genova che offre un’analisi indipendente dei dati raccolti dai vari ministeri competenti, compreso quello della salute, e formula una serie di raccomandazioni al Governo, come:

1) la completa revisione del testo unico vigente sulle sostanze stupefacenti in particolare delle previsioni sanzionatorie, penali e amministrative previste;

2) la messa a regime della regolamentazione nazionale sulla cannabis terapeutica, attualmente prodotta in quantità assolutamente insufficiente;

3) l’organizzazione nei tempi più brevi possibili della Conferenza nazionale, a nove anni dall’ultima convocazione e la elaborazione di un Piano d’azione nazionale sulle droghe in netta discontinuità con il fallimentare approccio iper-punitivo che ha caratterizzato gli orientamenti espressi nel 2009-2010;

4) il rilancio e la riorganizzazione dei servizi per le dipendenze, il riconoscimento delle azioni e dei servizi innovativi già realizzati;

5) il ripristino di sedi di dialogo sulle politiche sulle droghe, non più attive a livello nazionale dal 2008;

6) una chiara posizione dell’Italia nel contesto internazionale, in sintonia con il ruolo che l’Europa sta giocando in sede ONU per una dialogo aperto sulle politiche globali.

Associazione Luca Coscioni per la libertà di ricerca scientifica, fra le realtà più attive in Italia nell’affermazione delle libertà civili e i diritti umani, per discutere di questi e altri obiettivi comuni ha chiesto nelle scorse ore un incontro al neo Ministro della Salute Giulia Grillo.